Caro studente/cara studentessa,

mi rivolgo direttamente a te che qualche giorno fa hai buttato nel cestino della spazzatura della tua aula una confezione di mascherine che la scuola ti ha distribuito.

Ebbene, ti esprimo tutto il nostro biasimo per un’azione tanto riprovevole!

Se non le avessi volute, le avresti potute rifiutare.

Nessuno ti obbliga a riceverle.

Nessun obbligo, mio caro studente/mia cara studentessa, se non quello del RISPETTO!

Rispetto per il lavoro degli altri,

rispetto per l’impegno degli altri,

rispetto per i soldi degli altri,

rispetto…

Spero che tu abbia a ricrederti e mi auguro che tu possa scusarti, prima di tutto con te stesso/te stessa perché noi, tutti noi, tutta la comunità scolastica che qui rappresento, stenta a credere che tu ora non ti vergogni un po’…

Un’altra speranza serbo nel cuore… che non ti servano mai le mascherine che hai gettato con disprezzo e i pochi spicci che esse valgono…

Noi siamo qui, a credere nella scuola. La scuola di tutti.

 

Il Dirigente Scolastico